Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Richiesta di riconoscimento di cambio nome o cognome

Richiesta di riconoscimento di cambio nome o cognome

I cittadini italiani che cambino o modifichino il nome o il cognome secondo la procedura israeliana continueranno a  risultare nei registri italiani con il nome o il cognome originali. I cambiamenti e le modifiche di nome o cognome sono disciplinate dal D.P.R. 396 del 3.11.2000.

I provvedimenti emessi all’estero con cui viene cambiato o modificato il nome o il cognome di un individuo sono riconosciuti in Italia qualora abbiano natura giurisdizionale e risultino soddisfatte le condizioni previste all’art. 64 e seguenti della Legge n. 218/1995. In Israele il cambio o la modifica di nome o cognome avviene mediante procedura amministrativa.

Procedura.

1 – Preparazione dei documenti

Raccogli i seguenti documenti:

  • Domanda motivata di riconoscimento del cambiamento o modifica del proprio nome e/o cognome indirizzata al Prefetto competente in Italia;
  • Dichiarazione sostitutiva di atto notorio per confermare l’inesistenza di carichi pendenti in Italia e la conformità della procedura alle leggi locali;
  • Dichiarazione di assenso di eventuali cointeressati come genitori, consorte e figli maggiorenni, accompagnata dalla fotocopia di un loro documento d’identità (solo nel caso di cambio o modifica del cognome);
  • Copia del proprio passaporto italiano;
  • Copia del proprio passaporto israeliano o Teudat Zehut;
  • Certificato originale di cambio del nome e/o cognome (in ebraico “Teuda Ameida al Shenui Shem”) con Apostille del Ministero degli Affari Esteri israeliano (per maggiori informazioni clicca qui);
  • Traduzione in italiano del certificato di cambio del nome e/o cognome effettuata da un traduttore di riferimento del Consiolato Generale d’Italia in Gerusalemme.

2 – Verifica dei documenti e invio in Italia

Verifica personalmente con il personale del Consolato Generale d’Italia in Gerusalemme che i documenti sopra indicati siano completi richiedendo un appuntamento all’indirizzo consolare.gerusalemme@esteri.it. Il giorno dell’appuntamneto ti sarà richiesto di pagare in contanti l’imposta di bollo da € 16 (consulta le tariffe consolari per conoscere il controvalore aggiornato in NIS).

L’invio della domanda alla Prefettura competente in Italia sarà fatto dal Consolato.

3 – Appuntamento per l’affissione della ”Istanza di cambio nome o cognome”

Una volta ricevuta dalla Prefettura competente l’autorizzazione all’affissione del cambio o modifica di nome e/o cognome, il Consolato ti contatterà per fissare un appuntamento per compilare e sottoscrivere una “Istanza di cambio nome o cognome” e pagare l’imposta di bollo da € 16 (consulta le tariffe consolari per conoscere il controvalore aggiornato in NIS). Il Consolato procederà quindi all’affissione dell’Istanza all’Albo Consolare per consentire eventuali opposizioni. L’affissione avrà la durata di trenta giorni.

4 – Rilascio del “Decreto autorizzativo”

Al termine dei 30 giorni ed effettuale le necessarie verifiche da parte della Prefettura, riceverai dal Consolato l’originale del “Decreto autorizzativo del cambio o della modifica del nome o del cognome”, bollato con una nuova marca consolare (consulta le tariffe). Una volta ricevuto, il Decreto dovrà essere trasmesso al tuo Comune in Italia per l’annotazione del cambio del nome e/o del cognome su tutti i certificati di stato civile.

Il Consolato potrà rilasciare documenti con il nuovo nome e/o cognome solo dopo la notifica dell’annotazione al Consolato Generale d’Italia in Gerusalemme da parte del Comune.

IMPORTANTE: Il procedimento di cambio di nome o cognome in Italia e’ soggetto a regole precise e a criteri di pubblicita’ che comportano tempi piuttosto lunghi prima che il nuovo nome o cognome assunto all’estero venga effettivamente riconosciuto in Italia. La procedura, che prevede vari passaggi e azioni tra l’interessato per il tramite del Consolato Generale d’Italia di Gerusalemme e le Autorita’ italiane, puo’ durare anche oltre due anni, in un processo che il Consolato non puo’ in alcun modo accelerare.

Si prega di prendere visione della normativa Informativa sul Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati / RGPD (UE) 2016/679

 

Informativa sulla protezione dei dati personali

In seguito all´entrata in vigore del regolamento UE 2016/679 in materia di Protezione dei dati Personali, si pubblicano le nuove informative sul trattamento dei dati presso il consolato:

Informativa Servizi Consolari

Informativa Cittadinanza