Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Trascrizione di sentenze di divorzio israeliane o palestinesi

La richiesta di trascrizione di una sentenza di divorzio richiede la presenza fisica del richiedente in Consolato e può agevolmente essere effettuata attraverso la seguente procedura:
  1. compilare la dichiarazione sostitutiva di atto notorio e il modulo per la trascrizione della sentenza di divorzio;
  2. allegare il certificato di divorzio rilasciato dal locale Rabbinato (culto ebraico) o dal Tribunale Shariatico (culto musulmano) legalizzato dal Ministero del Culto, con l’Apostille del Ministero degli Affari Esteri e traduzione effettuata da un notaio di riferimento del Consolato Generale;
  3. allegare il protocollo e sentenza di divorzio rilasciati dal tribunale (religioso o civile) legalizzati dal Ministero del Culto, con l’Apostille del Ministero degli Affari Esteri israeliano e traduzione effettuata da un notaio di fiducia dell’Ambasciata;
  4. allegare dichiarazione della direzione dei tribunali rabbinici (culto ebraico) o del tribunale shariatico (culto musulmano) che attesti che il divorzio è definitivo e che contro di esso non è ammesso ricorso, con l’Apostille del Ministero degli Affari Esteri israeliano o e traduzione effettuata da un notaio di fiducia dell’Ambasciata;
  5. per i divorzi rilasciati dal locale Rabbinato (culto ebraico) occorre presentare anche il “parere formale” del notaio sul divorzio di culto ebraico;
  6. allegare copia del passaporto o della carta d’identità italiana.

Prima dell’invio e’ preferibile verificare via e-mail all’indirizzo consolare.gerusalemme@esteri.it che tutta la documentazione sia completa e corretta. Qualora la senteza di divorzio si riferisca a un matrimonio non ancora registrato in Italia, bisognera’ chiedere di trascrivere anche il matrimonio secondo le procedura disponibili nella sezione “Stato Civile” per i matrimoni celebrati a Gerusalemme oppure per i matrimoni celebrati nei Territori dell’Autonomia Palestinese

Qualora la documentazione sia completa e corretta e la pratica possa essere processata, i certificati originali non verranno restituiti.

I formulari necessari per la trascrizione del divorzio sono disponibili qui.

Si prega di prendere visione della normativa Informativa sul Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati / RGPD (UE) 2016/679