Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Nascita

 

Nascita

I figli di cittadini italiani, anche se nati all'estero e in possesso di un'altra cittadinanza, sono cittadini italiani.
La loro nascita deve quindi essere trascritta in Italia.
Per richiedere la trascrizione di un parto, il genitore italiano, se residente a Gerusalemme o in Palestina, deve contattare il Consolato Generale d'Italia in Gerusalemme, munito dei seguenti documenti:

a) certificato di nascita (in copia originale o autentica certificata) rilasciato dall'Ufficio di stato civile del paese straniero, debitamente legalizzato e tradotto (vedere la sezione Traduzione e legalizzazione dei documenti);
b) passaporto italiano attestante la cittadinanza italiana di almeno uno dei genitori (se non iscritto nel registro consolare)
c) Documento d'identità del bambino, se presente, ad es. passaporto israeliano o carta d'identità o passaporto palestinese o carta d'identità.
d) Modulo per richiedere la registrazione della nascita, disponibile qui

In alternativa, il genitore italiano può presentare l'atto, debitamente legalizzato e tradotto, direttamente al Comune italiano di appartenenza (vedi art. 12, comma 11, DPR 396/2000).

Per informazioni più dettagliate sulla traduzione e la legalizzazione di documenti israeliani e palestinesi, fare clic qui.


373