Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

SPID per gli italiani all'estero

 

SPID per gli italiani all'estero

Dal 31 dicembre 2022, come previsto dal “Decreto Semplificazioni”, per accedere al portale dei servizi consolari “Fast It” si dovranno utilizzare le credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale)  o la Carta d'Identita' Elettronica (CIE) per poter accedere ai servizi online erogati dalla Pubblica Amministrazione.

Il termine, originariamante previsto per il 28 febbraio 2021, e' stato ulteriormente prorogato al 31 dicembre 2022 con apposito Decreto.

Gli utenti già in possesso di credenziali per l'accesso ai portali informatici potranno altresì utilizzarle fino al 31 dicembre 2021.


SPID PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO: UN AIUTO PER CHI VIVE LONTANO
Anche per i cittadini italiani residenti all’estero è possibile ottenere le credenziali del Sistema Pubblico per la Gestione dell’Identità Digitale (SPID).

Cosa è SPID
SPID è il sistema di autenticazione che permette a cittadini ed imprese di accedere, con un’identità digitale unica, ai servizi online della Pubblica Amministrazione e dei privati aderenti. E' possibile, in tal modo, richiedere ed ottenere certificati o attestati per via telematica da Comuni e altre Amministrazioni italiane, validi a tutti gli effettidi legge. Attualmente sono 3.783 le amministrazioni aderenti, 4.183 i servizi online accessibili con SPID e 1.831.000 gli italiani o le imprese dotate di identità SPID.

L’identità SPID è costituita da credenziali che vengono rilasciate all’utente dai Gestori di Identità Digitale (“Identity Provider” – IdP) accreditati dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID).

Come richiedere SPID

Per richiedere e ottenere le tue credenziali SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale, devi esser maggiorenne.

Avrai bisogno di:

  • un indirizzo e-mail,
  • il telefono del cellulare che usi normalmente (anche straniero),
  • un documento di identità italiano valido (uno tra: carta di identità, passaporto, patente). Durante la registrazione può esser necessario fotografarli e allegarli al form che compilerai,
  • un indirizzo e-mail,
  • il codice fiscale (in assenza di codice fiscale, è possibile farne richiesta all’ufficio consolare. Farà fede il foglio dell’Agenzia delle Entrate vidimate dall’ufficio consolare)

Durante la registrazione può esser necessario fotografarli e allegarli al form che compileraiil codice fiscale (in assenza di codice fiscale, è possibile farne richiesta all’ufficio consolare. Farà fede il foglio dell’Agenzia delle Entrate vidimate dall’ufficio consolare)

SPID è al momento gratuito, ma alcuni IdP offrono anche modalità di registrazione a pagamento.

L’ottenimento dell’identità SPID è subordinata ad una identificazione del richiedente de visu (identificazione non necessaria tuttavia se l’utente è dotato di carta d’identità elettronica, Carta Nazionale dei Servizi o se utilizza una firma elettronica qualificata per sottoscrivere la richiesta).

Ciascun IdP offre diverse modalità per richiedere e ottenere SPID e l’utente può così scegliere liberamente il soggetto che consente di completare la procedura in maniera più semplice.

Per i cittadini italiani residenti all’estero, si osserva che Aruba, Infocert, Poste Italiane, TIM e Sielte prevedono forme di identificazione totalmente online tramite webcam. Non tutti gli IdP permettono la registrazione di un numero mobile non italiano (richiesto nella fase di autenticazione): si controlli attentamente prima di iniziare la fase di registrazione.

Ai link seguenti, sono disponibili una scheda divulgativa e altre risorse relative a SPID.

 Per maggiori informazioni su come ottenre SPID, cliccare qui.


651