Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Pensioni

 

Pensioni

 

AVVISO IMPORTANTE - 12.03.2019

PENSIONI INPS
ACCERTAMENTO DELL’ESISTENZA IN VITA PER I PENSIONATI RESIDENTI ALL’ESTERO

L'INPS ti cerca, fatti vivo! Certificazione esistenza in vita entro il 15 giugno 2019


L’ INPS ha comunicato di avere iniziato l’invio delle lettere per accertare l’esistenza in vita di coloro che percepiscono un trattamento pensionistico all’estero.
Anche per i pensionati residenti a Gerusalemme e nei Territori dell’Autonomia Palestinese, si tratta di un adempimento importante per non rischiare la sospensione del pagamento della pensione. Per rendere questo obbligo di certificazione agevole, sara’ possibile attestare l’esistenza in vita in diversi modi:
a) Recandosi di persona presso il Consolato Generale a Gerusalemme
I pensionati possono venire al Consolato Generale nei giorni di apertura al pubblico (martedì e venerdi dalle ore 9 alle ore 12) senza appuntamento, per certificare l’esistenza in vita. Il pensionato deve presentarsi personalmente con la lettera ricevuta dall'INPS e un documento di identitàù valido, preferibilmente il passaporto italiano. Cosi’ facendo l’attestato di esistenza in vita potra’ essere successivamente inviato dall’Ambasciata direttamente all’INPS, attraverso un portale on line dedicato. La procedura e’ semplice, gratuita ed immediata.
b) Inviando la modulistica via posta
L’INPS ha precisato che la modulistica inviata, per attestare l’esistenza in vita, deve essere compilata dai pensionati e controfirmata da un testimone unitamente alla documentazione di supporto, e poi inviata alla casella postale “PO Box 4873 Worthing BN99 3BG, United Kingdom".

In alternativa
B) possono essere spedite, allo stesso indirizzo di cui sopra, eventuali certificazioni di esistenza in vita emesse da Istituzioni pubbliche locali (Ministero dell’Interno, Ospedali) riconosciute in Israele come valide attestazioni.
In questo caso, è necessario che le certificazioni rilasciate dalle Autorità israeliane e/o palestinesi vengano inviate insieme al modulo di attestazione dell’esistenza in vita Citibank compilato dal pensionato.

ATTENZIONE
Le attestazioni dovranno pervenire a Citibank ENTRO IL 15 GIUGNO 2019. Il pagamento della rata di luglio 2019, per coloro che non attesteranno l’esistenza in vita entro la data predetta, avverrà in contanti presso le agenzie Western Union del Paese di residenza e, in caso di mancata riscossione personale entro il giorno 19 luglio, il pagamento della pensione sarà sospeso a partire dalla rata di agosto 2019.

 

Pensionati titolari dell’Assegno Vitalizio di benemerenza per persecuzioni razziali (Leggi n. 96/55 e n. 932/80)

Si rammenta che i titolari dell’assegno vitalizio di benemerenza devono far pervenire al Consolato Generale d’Italia a Gerusalemme l’autocertificazione relativa alla propria esistenza in vita due volte entro il 30 giugno e entro il 31 dicembre di ogni anno, utilizzando l’apposito modulo e allegando copia un documento di identità (preferibilmente il passaporto italiano) valido.
Le autocertificazioni devono pervenire al Consolato Generale d’Italia di Gerusalemme tramite posta elettronica all’indirizzo cons.gerusalemme@esteri.it o, in alternativa, via fax al numero 02 2561 8944
Su richiesta del Consolato Generale gli interessati potranno essere invitati a presentarsi personalemente allo sportello il martedì o il venerdì dalle 9 alle 12, senza appuntamento , muniti di un documento valido di identità, preferibilmente il passaporto italiano.

__________________________________________________________

L’ Accordo  bilaterale tra la Repubblica italiana e lo Stato d’Israele sulla previdenza sociale

Per tutte le informazioni sulla pensione in convenzione tra Italia e Israele e sul regime fiscale consultate il portale dell'INPS al seguente link

_________________________________________________________

PENSIONI e SICUREZZA SOCIALE

INFORMAZIONI GENERALI

 


66