Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Iniziative promozionali

 

Iniziative promozionali

Politica promozionale

Mappatura delle iniziative di sostegno all´internazionalizzazione del sistema produttivo che la rappresentanza diplomatico-consolare e l´ex Ufficio ICE intendono realizzare nel corso del primo semestre del 2012 

Le attivita' di sostegno al processo di internazionalizzazione che si intendono svolgere nel corso del primo semestre del 2012 fanno seguito a quanto gia' avviato nell'anno precedente. Dopo avere reintrodotto con grande successo il marchio Fiat sul mercato palestinese - il sesto salone monomarca Fiat in Palestina verra' aperto entro la fine del 2011 – e' stato avviato un esercizio volto a fare conoscere uno dei marchi italiani di eccellenza, la Piaggio, ai consumatori palestinesi. Successivamente al seminario Piaggio organizzato a Ramallah per presentare i nuovi modelli della casa italiana, sono stati avviati contatti con le Poste palestinesi per la fornitura di veicoli Piaggio per la consegna dei prodotti postali. Anche in virtu' della costante assistenza fornita, l'esercizio e' giunto alle sue fasi conclusive e si prevede che l'accordo di fornitura alle Poste palestinesi possa essere finalizzato nel primo semestre del 2012.

Una seconda iniziativa la cui realizzazione e' in fase di realizzazione, e' la costituzione di un consorzio all'esportazione del marmo e della pietra palestinesi. Tutte le fasi finora realizzate, sono state tutte condotte in stretto raccordo con l'Ufficio del Rappresentante del Quartetto a Gerusalemme, Tony Blair. L'obiettivo del progetto e', in prima battuta, quello di rafforzare i gia' esistenti rapporti commerciali tra l'Italia e i Territori palestinesi individuando una impresa italiana che possa assolvere al ruolo di impresa leader dell'iniziativa e, in seconda battuta, intensificare i flussi commerciali dei prodotti del marmo e della pietra sia in uscita che in entrata sul mercato palestinese.  Nel corso del primo semestre del 2012 si svolgera' una missione in Italia dei possibili partecipanti palestinesi al  consorzio alla quale fara' poi eventualmente seguito una missione in Palestina dell'impresa italiana consociata  per valutare le effettive capacita' produttive  delle imprese palestinesi coinvolte nell'iniziativa.

I stretti contatti avviati con la Palestinian Business Womens' Association hanno dato avvio ad un esercizio di valutazione circa la possibilita' di organizzare una ‘giornata italiana' nel corso del prossimo convegno annuale dell'associazione il quale avra' luogo nella primavera del 2012.

Si sta inoltre riflettendo  in stretto raccordo con l'ex-antenna ICE sulla  possibilita' di costituire una piattaforma di dialogo permanente tra l'imprenditoria italiana interessata al mercato palestinese e gli operatori economici locali che intrattengono gia' rapporti commericali con l'Italia che possa auspicabilmente evolvere in una vera e propria camera di commercio.

L'attivita' di questo Consolato Generale ai fini dell'internazionalizzazione del sistema produttivo italiano focalizzeranno sulle commesse relative alla prima fase di edificazione della citta' modello di Rawabi. Nel primo semestre del 2012 verranno svolte missioni di imprenditori italiani i quali presenteranno i loro prodotti a Rawabi con l'assistenza di questo Consolato Generale.

Il Consolato Generale d'Italia a Gerusalemme ha anche realizzato uno studio sulle determinanti dello sviluppo economico a Gerusalemme Est al fine di dotare imprese italiane eventualmente interessate ad effettuare investimenti a Gerusalemme Est di uno strumento conoscitivo.

Individuazione di eventi congiunti da svolgere con il concorso degli Uffici economico-commerciali, degli ex Uffici ICE, degli Addetti Scientifici ,degli Istituti di Cultura e delle Camere di Commercio Italiane all´estero

In un contesto in cui accanto all'Ufficio commerciale del Consolato Generale l'unico altro attore del Sistema Italia e' l'Antenna ICE, le poche risorse disponibili possono essere unicamente impiegate nell'organizzazione di eventi promozionali nei grandi centri urbani della Cisgiordania nei quali vi e' una forte attenzione verso i prodotti esteri. In particolare, si sta esplorando la possibilita' di favorire la partecipazione di selezionate aziende italiane a manifestazioni, soprattutto di tipo fieristico. In corso anche un esercizio di riflessione circa l'organizzazione di una 'Giornata italiana' presso la Camera di commercio di Hebron.

Progetti delle rappresentanze diplomatico-consolari e degli ex Uffici ICE per iniziative promozionali successivi al primo semestre 2012

In considerazione del contesto ambientale e di un tessuto economico con un forte vocazione alla specializzazione e considerando la fase di transizione che sta sperimentando l'economia palestiense, nella quale gli sforzi dell'ANP sono indirizzati al sostegno del settore privato, e' necessario concentrare la promozione commerciale su attivita' di capacity building e di transfer del know-how imprenditoriale italiano. Questo obiettivo potrebbe essere raggiunto attraverso la realizzazione di un forum di consultazione e coordinamento stabile tra le due comunita' imprenditoriali, sia attraverso la stipula di intese tecnico-produttive e commerciali piuttosto che con investimenti diretti. La continuita' nei rapporti commerciali e la creazione di una rete distributiva potrebbero rappresentare la tappa preliminare di un futuro processo di internazionalizzazione, caratterizzato poi, nella fase finale, dalla realizzazione di investimenti all'estero e la creazione di impianti produttivi.

a) invio di delegazioni di operatori palestinesi a fiere italiane dei settori particolarmente interessanti per l'economia palestinese; la visita a fiere non solo internazionali (per esempio edilevante e Marmomacc) permetterebbe una familiarizzazione degli operatori dei due paesi in un contesto favorevole agli incontri b2b;

b) partecipazione di tecnici palestinesi del settore del marmo e della plastica a seminari e training in Italia;

c) Workshop sul settore del marmo a Ramallah;

d) Workshop sul settore dell'agroindustria e di altri settori trainanti per lo sviluppo dell'economia locale, anche in vista del lancio delle nuove linee di credito a sostegno delle PMI palestinesi del settore agricolo e che operano a Gerusalemme Est.


85