Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Tutela del Patrimonio

 

Tutela del Patrimonio

Tra le iniziativa promosse di maggior rilievo negli ultimi anni ricordiamo:

  1. Elaborazione del Master Plan di Gerico con l'Università di Ferrara volto alla protezione dei siti archeologici dalla cementificazione nell'area urbana;
  2. Valorizzazione dei siti archeologici della città di Gerico con l’intervento dell’Università La Sapienza di Roma con particolare riferimento al sito di TelEl Sultan. La missione archeologica de La Sapienza, cofinanziata dal MAECI, è stata inoltre coinvolta nel progetto “Formazione del personale del Ministero del Turismo e delle Antichità palestinese per la tutela e valorizzazione turistico - economica dei beni e monumenti archeologici dell’Oasi di Gerico”;
  3. Riabilitazione della Chiesa delle Nazioni e del Dominus Flevit a Gerusalemme e formazione del personale locale nelle attività di restauro conservativo, architettonico e monumentale;
  4. RestaurodellaBasilica della Natività a Betlemme ad opera della Piacenti SpA con un contributo da parte italiana al Fondo Presidenziale per il restauro della Basilica. Nel corso della sua visita in Palestina, l’1 novembre 2016, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha annunciato un ulteriore contributo italiano di 1 milione di Euro per proseguire i lavori di restauro della Basilica.
  5. Coinvolgimento dei Carabinieri del Nucleo per la Protezione del Patrimonio Culturale e Artistico attraverso la missione MIADIT, per la formazione della sicurezza palestinese, arrivata alla terza fase, volta alla creazione di una unità specializzata per il contrasto del traffico illecito di reperti, in linea con le politiche del Ministero degli Interni e del Ministero del Turismo e delle Antichità Palestinese;
  6. Partecipazione finanziaria alla realizzazione del Terra Sancta Museum, unico museo al mondo sulle radici del Cristianesimo e la conservazione dei Luoghi Santi, finanziata in parte dalla Custodia di Terra Santa;
  7. L’Università degli Studi del Molise aderisce al progetto di censimento, schedatura informatica e riproduzione digitale dei Beni Archeologici della Custodia di Terra Santa, programma volto a documentare, conservare e valorizzare in modo adeguato l’inestimabile patrimonio archeologico della Custodia, conservato presso il Museo Archeologico Privato dello Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme;
  8. Attività di studio e mappatura sistematica di siti, aree e emergenze archeologiche su base GIS; documentazione grafica, fotografica e topografica, diretta e indiretta; programma di interventi conservativi; creazione di database informatizzati; formazione (didattica frontale e "on field") per docenti universitari, ispettori e tecnici delle Soprintendenze locali anche da parte dell’Università di Genova (Sebastia Heritage: Studi e Ricerche su Sebastia Medievale) e di Napoli (Mappature dei Siti Archeologici in Palestina).
  9. Il turismo rappresenta senz’altro uno dei settori di crescita potenziale per l’Autorità Nazionale Palestinese. Negli ultimi anni, l’Italia ha lanciato una serie di iniziative mirate al settore del turismo locale sostenibile, promuovendo diversi progetti, in collaborazione con le Autorità locali, tra cui: la realizzazione di percorsi turistici sulla "Gerusalemme nascosta", il restauro di edifici storici ad Hebron, Beit Jala, Tulkarem, Sabastya, Battir, Betlemme, BeitSahour adibiti a guest house e centri di informazione turistica e formazione del relativo personale; il sostegno alle municipalita' di Battir, BeitSahour e Sabastya e la loro certificazione nella promozione turistica delle risorse culturali, paesaggistiche e agro-alimentari locali con il Touring Club d'Italia; il riallestimento espositivo delle collezioni del Museo di Arti e Tradizioni Popolari palestinesi Dar Al-Tifel di Gerusalemme e la formazione del personale locale nelle attività di restauro e conservazione degli antichi abiti tradizionali.

352